FINANZIAMENTI REGIONALI

La Regione Emilia-Romagna promuove e sostiene le iniziative e i progetti di cooperazione e solidarietà internazionale presentati al servizio Coordinamento delle politiche europee, programmazione, cooperazione, valutazione da enti locali, ONG, Onlus, associazioni di volontariato, cooperative sociali, associazioni di promozione sociale, università, istituti di ricerca, fondazioni, imprese di pubblico servizio, sindacati, comunità di immigrati, istituti di credito e imprese interessate alle finalità della legge regionale.

Molti enti locali si avvalgono sempre più della possibilità di utilizzare l´8 per mille dei loro bilanci per finanziare tali attività. Inoltre è in crescita il ruolo degli attori della società civile emiliano-romagnola (associazioni di volontariato e ong) impegnati sui temi dello sviluppo e dei rapporti tra nord e sud del mondo, anche in seguito alle recenti crisi internazionali ed umanitarie.
La Regione promuove la creazione e lo sviluppo di partenariati con realtà della società regionale impegnati in questo settore e reputa fondamentale una durata nel tempo di tali relazioni.
A questo scopo, con la legge regionale del 2012 è stata introdotta la programmazione triennale, per consentire la costruzione di percorsi progettuali di medio e lungo periodo.
Il documento è finalizzato a delineare una serie di indirizzi a validità generale al fine di valorizzare le competenze e le esperienze maturate dai soggetti del territorio in direzione del consolidamento di un sistema regionale della cooperazione decentrata e del rafforzamento delle sinergie nel contesto internazionale ed europeo.

Risorse finanziarie disponibili
La Regione ha da tempo acquisito un ruolo guida nel settore della cooperazione allo sviluppo grazie anche ad un cospicuo impegno finanziario.
Nell´ambito delle iniziative di cooperazione allo sviluppo, la Regione copre le spese, fino al 50% del totale, dei progetti presentati dai soggetti appartenenti alle tipologie indicate all’art.4, comma 1, lett. a) della L.R. 12/02 e loro forme associative, che hanno sede legale o sede operativa nel territorio regionale.
Per quanto riguarda l´ammissibilità dei progetti, essi devono corrispondere alle priorità geografiche e tematiche indicate nel Documento di Indirizzo Programmatico 20016 - 2018 e rispettare i criteri di eleggibilità dei costi rispetto alle categorie di spesa ammissibili: prevedere nelle voci spesa un massimo del 28% del costo totale del progetto per equipaggiamenti, materiali, forniture, del 9% per azioni di sensibilizzazione in loco e in Emilia Romagna, 4,5% per le spese generali e un massimo del 28% per i compensi del personale italiano.

Documenti regionali


Moduli scaricabili per la gestione dei progetti

Manuale di rendicontazione

File per la rendicontazione finanziaria


Archivio Bandi


 
contattaci | link | credits | Privacy e Cookies |
Regione Emilia-Romagna (p. IVA 800,625,903,79) - Tutti i diritti riservati